Factory Images Android 4.3 - Download per Nexus 4, 7, 10 e Galaxy Nexus

20:25


Google è stato rapidissimo questa volta, e nonostante abbia promesso “in giornata” (in America è mattina) l’aggiornamento ad Android 4.3 per la famiglia Nexus, le rispettive immagini sono già disponibili sul sito ufficiale per tutti i più recenti dispositivi della casa, Galaxy Nexus incluso (casomai qualcuno avesse avuto dubbi sul suo aggiornamento).

Arrivano Android 4.3 e il nuovo Nexus 7

20:12



In occasione di un evento organizzato a San Francisco, Google ha ufficialmente tolto i veli ad Android 4.3 Jelly Bean, ovvero la nuova release del popolare sistema operativo mobile che vede il debutto sul nuovo Nexus 7, annunciato sul medesimo palcoscenico, e su una serie di device Nexus selezionati.
È Hugo Barra a presentare le novità di Android 4.3. Il software di ultima generazione aggiunge una feature dedicata ai profili, particolarmente utile ad esempio ai genitori che potranno così controllare ciò che i propri figli possono visualizzare sul device. In questo caso, le applicazioni agiranno in maniera diversa a seconda delle limitazioni che ha quello specifico profilo utente. Presente anche una funzione che blocca gli acquisti in-app, in modo tale che i più piccoli non possano spendere denaro senza il consenso da parte dei genitori.
Android 4.3 Jelly Bean porta con sé anche un’altra nuova caratteristica, ovvero la possibilità di effettuare lo streaming dei contenuti Netflix a 1080p. La società di video-streaming è infatti una delle prime a utilizzare il nuovo set di API DRM rilasciato insieme all’update del sistema operativo mobile di Mountain View. Presente inoltre il supporto alla tecnologia OpenGL ES 3.0, che permette un miglior livello di dettaglio nella grafica, e quello alla tecnologia Bluetooth Smart. La carrellata di novità si conclude poi con il supporto al Bluetooth AVRCP, e a un più facile inserimento dei testi tramite una tastiera migliorata.
Android 4.3 Jelly Bean sarà disponibile sul nuovo Nexus 7 al momento del debutto e tramite aggiornamento OTA (over-the-air) su Nexus 4, Nexus 10, Galaxy Nexus e la prima generazione del Nexus 7. In questi casi, sarà scaricabile già da oggi. Per quanto riguarda il rilascio sugli smartphone e tablet Android degli altri produttori, non si ha ancora alcuna informazione circa la data di disponibilità.

<iframe width="480" height="360" src="//www.youtube.com/embed/H58_9BGCxwc" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>


Motorola Moto X: ecco le prime immagini e informazione sul prezzo

18:43

Il Motorola Moto X è sempre più protagonista della rete, al centro di indiscrezioni, avvistamenti, anticipazioni e previsioni di ogni genere.
Dopo la conferma della presentazione ufficiale (fissata per giovedì 1 agosto), arriva anche il primo presunto render dello smartphone.
Nessuna nuova anticipazione, purtroppo, sulle possibili caratteristiche del terminale, per conoscere le quali non ci resta che pazientare ancora qualche giorno. Lo smartphone, ad ogni modo, per quanto riguarda le feature dovrebbe collocarsi nella fascia media ed offrire alcune interessanti possibilità di personalizzazione all’utente. Un prezzo aggressivo, infine, dovrebbe completare il quadro.
Pare, infatti, che il nuovo gioiellino tecnologico nato dalla collaborazione tra Motorola e Google possa arrivare nei negozi statunitensi a 299 dollari nella variante con 16GB di memoria integrata e 349 dollari in quella con 32GB di memoria.
Ci troveremmo di fronte. in sostanza, alla medesima politica di prezzi adottata per il Nexus 4, il che ci induce a pensare che anche il Motorola Moto X possa essere commercializzato via Play Store.
Per quanto riguarda i mercati europei, infine, in assenza di informazioni certe al momento non possiamo che prevedere l’ormai consueto tasso di cambio 1:1, con prezzi di 299 e 349 euro per i due tagli da 16GB e 32GB. Resta da capire con quanti mesi di ritardo lo smartphone arriverà nel Vecchio Continente rispetto agli Stati Uniti.

Probabilmente giovedì 1 agosto lo sapremo.

Ecco tutte le novità di Android 4.3

16:22
Ecco un elenco delle novità portate da Android 4.3 Jelly Bean:

Fluidità e reattività migliorata
Con Android 4.2.2 abbiamo assistito ad un leggero passo indietro per quanto riguarda la fluidità e la reattività del sistema, anche se si è trattato di un cambiamento quasi impercettibile. Android 4.3, invece, porta ad un nuovo livello le prestazioni dei dispositivi conferendo loro una fluidità maggiore ed una risposta ai comandi davvero incredibile. Tutto è molto più veloce.

Browser Chrome
Franyo e Yann73, due moderatori del Forum di TuttoAndroid, hanno notato che il browser Google Chrome ha smesso di “laggare”. La navigazione ora è molto più liscia e piacevole, segno appunto che il sistema operativo è stato fortemente ottimizzato per essere molto più leggero e veloce in tutte le sue aree.

Benchmark
Anche se contano poco, i benchmark in questo caso contano ancora di meno. Il Nexus 4 con Android 4.3 JWR66N ha ottenuto un punteggio di circa 15.000, mentre altri utenti hanno ottenuto un punteggio di circa 18.000. In Quadrant, invece, il punteggio si ferma a 4.900 con Android 4.3, mentre con Android 4.2.2 il punteggio è di circa 4.000.


Kernel aggiornato e migliorato il Touchscreen
In Android 4.3 viene aggiornato anche il kernel, il quale pare porti sia miglioramenti al comparto radio, di cui parleremo tra poco, che un nuovo driver per il touchscreen del Nexus 4. Il touch del Nexus 4, infatti, secondo quelli che lo hanno provato con la nuova versione di Android, risponde molto meglio ed ha una sensibilità più elevata, anche quando si effettuano “tap” leggerissimi.

WiFi, 3G e temperatura 
Il WiFi sembra consumare leggermente più energia rispetto ad Android 4.2.2, mentre il 3G sembra consumare davvero pochissimo in termini di batteria, tanto da risultare preferibile al WiFi. Probabilmente questo è un problema che sarà risolto con le nuove build che trapeleranno o direttamente con la build definitiva che sarà rilasciata la prossima settimana. Oltre questo, sappiamo già che con Android 4.3 è stata introdotta la funzione di Scansione sempre disponibile, cioè una funzione che controlla la presenza di reti WiFi anche con WiFi spento.



C’è inoltre da menzionare il fatto che la temperatura del Nexus 4 non raggiunge più i livelli che si sono riscontrati con Android 4.2.2. Lo smartphone, infatti, resta freddo anche sotto stress e si scalda solo leggermente com’è normale che sia. Naturalmente il tutto poi sarà da confermare quando si verrà in possesso della build definitiva.
Per quanto riguarda il Bluetooth, infine, ora vi è il supporto al Bluetooth Low Energy e vi è anche la possibilità di trasmettere i metadati di una canzone (titolo del brano, artista, ecc..) tramite Bluetooth.

Nuovo centro “Notifiche”
Contrariamente a quello che si possa pensare, il nuovo centro “Notifiche” non è nient’altro che un log di sistema a cui è stata data un’interfaccia grafica, in quanto tiene traccia di tutte le applicazioni che lanciamo ed, eventualmente, ci consente di recarci direttamente alla pagina delle Impostazioni delle app per poter terminare il processo, per poter disabilitare la notifica e così via.



















Per raggiungere questa funzione, è necessario recarsi nell’App Drawer nella sezione dei Widget e selezionare “Scorciatoia Impostazioni”, come si vede dal seguente screenshot.
Dopodiché, dall’elenco che comparirà, bisognerà scegliere “Notifiche”.

Nuovo Bootloader e nuova Radio .83
Oltre ad essere filtrata la ROM di Android 4.3 per il Nexus 4, sono trapelati anche il nuovo Bootloader e la nuova Radio .83. La Radio attuale è la .48. Non sappiamo ancora quali siano i miglioramenti apportati ma sicuramente vi sono delle ottimizzazioni per quanto riguarda la parte wireless, cioè segnale GSM, Bluetooth, WiFi, NFC ed altro.
La nuova Radio .83 è compatibile anche con Android 4.2.2.

Nuova Fotocamera, editor foto notevolmente migliorato, Autofocus più veloce e Rotazione dei pulsanti
La qualità delle immagini sembra essere più o meno la stessa, ma la fotocamera di Android 4.3 tende molto di più a “stondare” gli oggetti, come si può vedere nella seguente immagine.

Modifiche al carattere Roboto 
E’ Roboto Condensed il carattere di Android 4.3. Di questo avevamo già parlato in un articolo dedicato, dove vedemmo quali erano state le modifiche apportate al carattere Roboto presente in Android 4.2.2. Roboto Condensed non sembra essere presente nella build JWR66N ma quasi sicuramente lo vedremo a bordo dell’ultima build che sarà rilasciata ufficialmente la prossima settimana.

Tastiera con T9 e nuove emoji “Nature”
La tastiera di Android 4.3 è stata migliorata sotto il profilo delle emoji. Ora, infatti, è possibile scegliere una nuova categoria chiamata Nature tramite la quale si possono scegliere nuove emoji da inserire nei messaggi. Di seguito trovate uno screenshot raffigurativo di questa nuova implementazione.
Inoltre ora è possibile impostare la digitazione con il classico T9 invece che con la tastiera qwerty. In sostanza si sarà in grado di scrivere messaggi proprio come si faceva qualche anno fa. Anche questa funzione è presente su alcuni dispositivi Android da tempo ma non è mai stata implementata nativamente da Google, fino ad oggi.

Colori del display migliorati
Anche il display è stato migliorato, non solo per quanto riguarda il touchscreen come abbiamo detto prima, ma anche per quanto riguarda la resa cromatica. I colori, adesso, sembrano più carichi ed i bianchi, in particolar modo, risultano ancora più bianchi. Questa è la prima cosa che dovrebbe risaltare all’occhio non appena viene installato Android 4.3.

Autonomia migliorata
Sembra essere migliorata leggermente anche l’autonomia dello smartphone, anche se per questo si ha bisogno di ulteriori test e di nuove build che si avvicinano il più possibile a quella definitiva. La strada intrapresa, però, è sicuramente quella giusta.

Altre funzioni minori
L’orologio nella barra delle notifiche viene nascosto quando ci troviamo nella lockscreen ed abbiamo il widget dell’orologio a schermo.

Google Keep ora è un’app di sistema
Più opzioni per gli sviluppatori che consentono di sviluppare applicazioni a 60 fps, cioè per sfruttare appieno il Project Butter che rende fluida l’interfaccia di Android.

Nuovi Widget
Come abbiamo appena potuto vedere, Android 4.3 nasconde tante novità sotto il cofano. Tenendo in considerazione che si tratta della prima build trapelata, pensate che sia ancora un minor update risulta ormai ridicolo.

ASUS PadFone Infinity: in arrivo una versione con CPU Snapdragon 800?

18:09

Dal Giappone arrivano le prime indiscrezioni su una presunta nuova variante del PadFone Infinity che ASUS potrebbe presto lanciare sul mercato.
La principale differenza rispetto al modello commercializzato anche nel nostro paese sarebbe rappresentata dal processore (una CPU Qualcomm Snapdragon 800 dovrebbe prendere il posto della Snapdragon 600), così come sembrerebbe testimoniare il database del test benchmark AnTuTu (l’immagine che vedete in basso).
Il device, contraddistinto dal codice A86, dovrebbe vantare quattro core da 2,1GHz ed essere basato su Android 4.2.2 Jelly Bean. Al momento non sono disponibili, purtroppo, altre indiscrezioni sulle sue possibili caratteristiche tecniche. Ricordiamo che la versione originale dell’ASUS PadFone Infinity può contare su un display Super IPS da 5 pollici con risoluzione Full HD, 2GB di RAM, una fotocamera da 13 megapixel, LTE ed una dock tablet con schermo da 10,1 pollici.

Chrome App Launcher disponibile per Windows

18:24


Chrome App Launcher, dopo essere stato disponibile solo per altre piattaforme, arriva finalmente, quest’oggi, anche su Windows 7 e 8. Stiamo parlando di una sorta di launcher realizzato da Google che ci permette di accedere ai servizi Google direttamente dalla Barra delle applicazioni o dal Desktop di Windows.
Esso è compatibile, naturalmente, solo con Chrome e può essere installato facilmente tramite il Chrome Web Store (link a fine articolo), con un semplice clic.
Unico requisito per l’installazione è avere l’ultima versione di Chrome installata, altrimenti con le precedenti potrebbe non essere disponibile all’installazione.

Per aggiornare Chrome all’ultima versione, vi basterà accedere alle Informazioni su Google Chrome tramite il tasto Menu in alto a destra. Una volta che vi siete assicurati di avere l’ultima versione di Chrome, potete procedere all’installazione del launcher, tramite il link che trovate di seguito. Non mancate di farci sapere le vostre prime impressioni nel box dei commenti.

Ecco un primo video Hands-on del nuovo Nexus 7!

09:51


Quando manca ormai meno di una settimana alla possibile data di presentazione del nuovo Nexus 7 (l’evento sembra essere fissato per il 24 luglio), l’attesa seconda generazione del tablet targato Google ha fatto la sua presunta prima apparizione in un breve filmato.
Dalla Webzine Android Central, infatti, arrivano le immagini, le informazioni sulle caratteristiche ed il video hands-on del Nexus 7 2 (o di quello che potrebbe essere un suo prototipo), dispositivo realizzato da ASUS e contraddistinto dal codice ME571K_PR1_SKU2.
Ma veniamo a quelle che dovrebbero essere le caratteristiche del nuovo Nexus 7: animato da un processore Qualcomm Snapdragon S4 Pro (non è esclusa, tuttavia, la possibilità che il tablet arrivi sul mercato con una CPU Snapdragon 600), il device può contare su undisplay da 7 pollici, 2 tagli di memoria (16GB e 32GB), 2GB di RAM, un doppio altoparlante, fotocamera principale da 5 megapixel e frontale da 1,2 megapixel.

Per quanto riguarda l’aspetto software, infine, il nuovo Nexus 7 è basato su Android 4.3 Jelly Bean, versione del sistema operativo mobile di Google che dovrebbe essere presentata ufficialmente insieme al tablet la prossima settimana.

Ecco i probabili prezzi del nuovo Nexus 7.

Sarà il 24 Luglio il giorno di: Nexus 7, Android 4.3 e Motorola Moto X?

09:39

Google sta inviando degli inviti per un evento che terrà il prossimo 24 luglio a San Francisco, soprannominato Colazione con Sundar Pichai. Purtroppo non ci rivela ulteriori dettagli, ma considerando che Pichai è Senior Vice President, Chrome and Apps di Google, è lecito ipotizzare che l’evento riguarderà uno o più di questi settori.
L’evento sarà anche trasmesso live su YouTube per tutti coloro che non potranno essere presenti.
Ci aspettiamo, naturalmente e finalmente, la presentazione di Android 4.3 Jelly Bean e la presentazione del Nuovo Nexus 7, di cui siamo appena venuti a conoscenza del prezzo di lancio.

Probabile che vedremo anche la presentazione del Motorola Moto X. L’evento avrà inizio alle ore 9:00 locali, per cui quando da noi saranno le 18:00. Precisiamo che, per il momento, stiamo parlando solamente di supposizioni, in quanto non ci sono conferme da parte di Google e l’evento potrebbe riguardare altro.

Svelati i prezzi del nuovo Nexus 7!

19:31


Sono mesi che parliamo del Nuovo Nexus 7, riportando solamente le caratteristiche tecniche e presunte date di lancio. Finalmente, possiamo parlare del prezzo, in quanto è appena emersa in rete un’immagine che mostra l’inventario di uno store in cui è riportato il prezzo del Nuovo Nexus 7, o Nexus 2 7 come viene chiamato.
La versione da 16 GB di memoria interna dovrebbe essere lanciata a 229 $, mentre quella con 32 GB di memoria interna dovrebbe essere lanciata a 269 $, che potrebbero diventare euro nel nostro caso. Come vedete dall’immagine, il tablet dovrebbe essere dotato di una CPU quad core, probabilmente il tanto chiacchierato SoC Snapdragon 600.
Il numero di esemplari in magazzino è pari a 0, il che significa che lo store non ha ancora ricevuto le scorte. Vi ricordiamo che nonostante numerosi dettagli emersi nelle scorse settimane, non c’è ancora una data precisa di presentazione del tablet, nonostante lo si aspetti entro la fine di luglio con a bordo Android 4.3 Speriamo che questa sua comparsa nell’inventario di questo ignoto store significhi che il suo lancio è ormai prossimo.


Nokia Lumia 925

14:53

Rivisitazione del Lumia 920, il nuovo Nokia Lumia 925 e' il primo Windows Phone di Nokia con telaio in alluminio che garantisce un design più gradevole e un peso inferiore.




Ecco le principali caratteristiche:

MARCA E MODELLO


Marca: Nokia
Modello: Lumia 925

[ROM] Installare Jelly Bean 4.1.2 su Huawei Ideos x5 Pro

12:57
"Questa non è una rom stock, essendo quindi modificata, potrebbe presentare casì di instabilità. Non mi assumo nessuna responsabilità in caso di brick o malfunzionamenti."

Ecco questa custom ROM per Vodafone Ideos X5 (Huawei Ideos X5 Pro aka U8800Pro), con Android 4.1.2 Jelly Bean, a mio parere anche migliore di altre con Android 4.0.3 Ice Cream Sandwich.


Ecco le sue caratteristiche:
-Basata sulla Release di ShenDu (4.1.2-121227)
-Rimossa ogni applicazione cinese
-Nuovi driver per GPU adreno
-Ad-block hosts
-Custom Kernel in O/C (Gestione dal menu nascosto)
-Cambiate e personalizzate molte icone
-Integrato AWESOME BEATS per migliorare l’audio
-Implementato Seeder entropy 1.1 per diminuire i lag ed aumentare la fluidità
-Tradotti settaggi nel menu, in lingua italiana
-Aggiornati ed aggiunti alcuni tweaks nel build.prop per una migliore gestione



Requisiti:
-Android 4.0.3 ufficiale (che trovate qui) o una qualsiasi custom ROM basata sempre su Ice Cream Sandwich
-Clockwork Recovery Touch 6.0.1.0 MOD (la trovate di seguito)

Se avete già una custom ROM:
1.Entrate in recovery mode
2.Installate la ROM
In caso contrario, proseguite così:
Installazione Clockwork Recovery Touch 6.0.1.0 MOD
1. Staccate la batteria, premete contemporaneamente VOLUME SU, VOLUME GIU e il TASTO DI ACCENSIONE e senza rilasciare i tasti, attaccate il cavo USB e vi ritroverete nella la Pink Screen (schermata rosa).
2. Andate sul PC nell’unità Image.
2. Fate una copia di backup del file recovery.img.
3. Scaricate il file recovery touch 6.0.1, estraetelo e copiate il file recovery.img.
4. Effettuate la rimozione sicura e spegnete il telefono staccando il cavo USB.
5. Inserite la batteria e accendete il telefono premendo VOLUME SU e il TASTO DI ACCENSIONE.
6. Appena comparirà la schermata della Clockwork Recovery Touch 6.0.1.0, potrete rilasciare i tasti.


Installazione della custom ROM CuvettoJB v1.2 con Android 4.1.2 Jelly Bean:

1. Scaricate questo file zip contenente la custom ROM CuvettoJB v1.2 e copiatelo sulla micro SD (per sicurezza mettetene anche una copia nella memoria interna)
2. Spegnete il vostro telefono e togliete la batteria
3. Mentre premete il pulsante VOLUME SU e il TASTO DI ACCENSIONE, inserite la batteria e vi ritroverete nella Clockwork Recovery Touch 6.0.1.0, in caso contrario riprovate
4. Eseguite un Wipe data/factory reset
5. Eseguite un Wipe cache partition
6. Andate su Advanced -> Wipe Dalvik Cache
7. Andate su Mounts and storage -> Format system
8. Mettete Install zip from sdcard
9. Poi Choose zip from sdcard
10. Selezionate il file zip scaricato al punto 1 e date l’ok
11. Aspettate la fine dell’installazione e riavviate il telefono
12. Adesso avete il vostro Vodafone Ideos X5 con Android 4.1.2 JB!

Bug noti riguardanti la ROM:
Non è possibile utilizzare fotocamere di terze parti, se vengono installate si riescono a fare comunque le foto, ma senza visualizzare l’anteprima sul display, da lì il malfunzionamento. Quella di default preinstallata è ottima e funziona egregiamente.


Come aggiornare Huawei Ideos X5 Pro ad ICS

12:21
"Questa non è una rom stock, essendo quindi modificata, potrebbe presentare casì di instabilità. Non mi assumo nessuna responsabilità in caso di brick o malfunzionamenti."

Il Vodafone Ideos X5 (Huawei Ideos X5 Pro aka U8800Pro), nasce con Android 2.2.2 Froyo e anche se Huawei ha rilasciato l’aggiornamento a 2.3.5 Gingerbread, la Vodafone non vuole rilasciare la sua versione.
Esso ha comunque le potenzialità per far girare fluidamente Android 4.0 Ice Cream Sandwich, ecco come installare una costum rom.

Requisiti:
-Android 2.3.5 (che trovate qui) o una qualsiasi custom ROM con almeno Android 2.3
-Clockwork Recovery Mod
Se i due requisiti vi mancano potete aggiornarlo seguendo questa guida.
Installazione della custom ROM Aurora 3.1 con Android 4.0.4 Ice Cream Sandwich



1. Scaricate questo file zip contenente la custom ROM Aurora 3.1 (al suo interno sono già comprese le GAPPS) e copiatelo sulla micro SD
2. Spegnete il vostro telefono e togliete la batteria
3. Mentre premete il pulsante Volume Su e il pulsante di accensione, inserite la batteria e vi ritroverete nella Clockwork Recovery Mod 5.0.2.7, in caso contrario riprovate
4. Eseguite un Wipe data/factory
5. Eseguite un Wipe cache
6. Eseguite Wipe Dalvik Cache
7. OPZIONALE: se la vostra batteria si scarica molto presto eseguite un Wipe Battery Stats
8. Andate su mount and storage e dopo su format/system
9. Mettete Install zip from sdcard
10. Scegliete il file zip scaricato al punto 1
11. Aspettate la fine dell’installazione e riavviate il telefono
12. Adesso avete il vostro Vodafone Ideos X5 con Android 4.0.4 ICS!

Questa ROM è molto funzionale e va davvero bene per un uso quotidiano, dovrebbe avere problemi con il tethering WiFi, cosa che si può risolvere scaricando un’app per questo genere di utilizzo dal Play Store.
L’unico punto a sfavore è la mancanza della radio FM e la mancanza di illuminazione dei tasti, che però si può sistemare mettendo prima l’illuminazione automatica, e poi disattivandola.


Ringrazio SpazioAndroid.

Google produrrà veramente il Nexus 8?

17:38

Giungono dal sito idigitaltimes alcune informazioni riguado un nuovo dispositivo della serie Nexus: il Nexus 8.
Di questo tablet, non si era mai sentito parlare in chiave realistica, in quanto sembrava assai più probabile il lancio di un Nexus 7 di seconda generazione che quello di un ulteriore dispositivo mobile della famiglia Nexus come appunto il Nexus 8.
Al fantomatico tablet da 8 pollici di Google viene attribuito Ottobre o Novembre come mese di lancio, ed anche delle caratteristiche superiori rispetto a quelle del Nuovo Nexus 7. Parlando di sistema operativo, nel caso in cui queste voci risultassero vere, molto probabilmente il Nexus 8 potrebbe avere a bordo proprio Android 5.0 Key Lime Pie, in quanto in termini di tempistica sappiamo che Google rilascia una nuova distribuzione di Android verso fine anno.
Naturalmente, insieme alla presentazione del Nexus 8, potremmo assistere anche alla presentazione del Nexus 5, ma il tutto è ancora da confermare. Se, dunque, il Nexus 7 di seconda generazione avrà un display Full-HD, un processore Snapdragon 600 e 2 GB di RAM, il Nexus 8 potrebbe tranquillamente essere dotato di un display Full-HD, di un processore Snapdragon 800 e di 2 o 3 GB di RAM.
Questi però sono soltanto rumors, dato che ancora, attendiamo l’ufficialità del nuovo Nexus 7.

Sarà presentato oggi il nuovo Nexus 7?

15:13


Non è un mistero il fatto che Google abbia fissato un evento che attualmente è ancora in svolgimento. A questo evento, già alcuni giorni fa, si era ipotizzata la presentazione del Nuovo Nexus 7 e di quella di Android 4.3 Jelly Bean, e sembra che ultimissime informazioni vadano a confermare quanto appena detto.
Direttamente da un sito giapponese, venivamo in possesso di una primissima immagine di quello che potrebbe essere il Nuovo Nexus 7 prodotto da Asus per Google, così come l’attuale tablet da 7 pollici di Mountain View. L’immagine è, ovviamente, sfocata come quasi tutte quelle che circolano di nuovi dispositivi prima del loro lancio ufficiale. In prima analisi possiamo affermare senza ombra di dubbio che il Nuovo Nexus 7 somiglierebbe parecchio a quello attuale, ammesso che la foto sia autentica. Quello che possiamo però notare è che la cornice laterale esterna del tablet sembrerebbe molto meno ampia di quella presente sull’attuale Nexus 7, per cui a questo punto potremmo azzardare l’ipotesi che il Nuovo Nexus 7 sia di dimensioni più contenute rispetto a quello attuale.
Le caratteristiche tecniche del tablet rumoreggiate sono le seguenti:
  • CPU Snapdragon S4 Pro APQ8064 quad-core
  • 2 GB di RAM
  • 32 GB di memoria interna (probabili tagli di memoria)
  • display da 7 pollici realizzato dall’azienda JDI
  • fotocamera anteriore da 1,2 megapixel
  • fotocamera posteriore da 5 megapixel
  • LTE, GSM
  • Wi-Fi a/b/g/n, Bluetooth 4.0, NFC
  • batteria da 3.950 mAh

Nessuna informazione per quanto riguarda il sistema operativo che il tablet dovrebbe avere a bordo, anche se ormai potrebbe essere proprio Android 4.3 Jelly Bean. Per quanto riguarda i prezzi, è molto probabile vedere un incremento della base da cui partire viste le caratteristiche tecniche che appunto dovrebbe sfoggiare il nuovo tablet da 7 pollici di Google. Siamo comunque leggermente dubbiosi sul fatto che si sia scelto un processore Snapdragon S4 Pro e non uno di ultimissima generazione, ma proprio per questo stiamo parlando di voci e non di conferme.

Il Nuovo Nexus 7, secondo questi rumor, dovrebbe essere presentato durante la giornata di oggi all’evento Google per poi essere lanciato ufficialmente sul mercato verso la fine di questo mese.

Stonex STX Ultra, smartphone made in Italy

11:54

Dopo il successo ottenuto con i precedenti Stonex STX e STX S, la Stonex, azienda italiana leader nella produzione di strumenti di rilevamento ad alta precisione, presenta il suo nuovo Stonex STX ULTRA. Dopo aver raccolto numerosi consensi, arriva sul mercato un nuovo smartphone mantendendo però la stessa linea di produzione: prodotti che offrono ottime prestazioni e soprattutto un buon rapporto qualità/prezzo.


Osserviamo adesso le principali caratteristiche tecniche:

MARCA E MODELLO


Marca: Stonex
Modello: STX Ultra

In arrivo HTC One Mini

15:16




























HTC One Mini dovrebbe essere lanciato nelle prossime settimane. Nelle ultime settimane si è più volte reso protagonista di alcune foto e di numerose indiscrezioni sulle caratteristiche tecniche. Nelle ultime ore, sono emerse nuove informazioni sulle caratteristiche tecniche, tramite il sito GFXBench.
Non stiamo parlando di nuove caratteristiche, piuttosto di conferme per quelle emerse nelle scorse settimane. HTC One Mini, infatti, si chiamerà M4 e avrà, fin dal lancio, Android 4.2.2 Jelly Bean.
Il SoC integrato al suo interno sarà lo Snapdragon 400, dotato di una GPU Adreno 305 e di una CPU da 1.4 GHz, ipotizziamo quad core vista la frequenza. Il display avrà una risoluzione di 1280 x 720 p, quindi HD.

Dal Benchmark si è potuto vedere che le prestazioni sono circa il 60-70 % inferiori a quelle di HTC One, il che conferma le caratteristiche tecniche modeste.

Novità in arrivo per Google+ e Hangout

10:24





















Giornata ricca di novità quella di oggi in casa Google e chissà che non ce ne sia qualche altra... Dopo il rilascio dell’aggiornamento 7.0 di Google Maps, vi segnaliamo delle novità per Google + ed Hangouts. A differenza di Maps, le novità che vi segnaliamo adesso riguardano le versioni Web dei servizi e non le applicazioni per Android.
Tramite un post su Google+, Google annuncia che da oggi i post saranno messi in evidenza in base ai +1 fatti dai contatti delle nostre cerchie, ovviamente la funzione sarà personalizzabile. In questo modo, sarà più facile trovare le foto, gli articoli, i video e quant’altro che consigliano i nostri amici. Tramite un post nel proprio blog, invece, annuncia novità per tutti coloro che utilizzano Hangouts tramite Gmail, Google + e l’estensione per Chrome.

Da oggi, infatti, sarà possibile nuovamente effettuare chiamate, con in più alcune nuove funzioni come degli effetti sonori e la possibilità di aggiungere ulteriori partecipanti alla chiamata. Queste novità, proprio come l’aggiornamento di Maps, potrebbero non essere disponibili fin da subito per tutti, in quanto il rilascio avverrà gradualmente per alcune settimane.

Motorola lancerà uno smartphone simile al nexus?

10:14




















Nuove indiscrezioni riguardo Motorola provengono da alcuni provider di telefonia europei, secondo il sito ADSL Zone. L’azienda che è stata recentemente acquisita da Google, lancerà nel Q4 di quest’anno (tra Ottobre e Dicembre) uno smartphone di fascia alta (forse non altissima) con interfaccia Pure Google, quindi senza personalizzazioni, ad un prezzo che scuoterà il mercato.
Alcuni lo definiscono “la variante europea del Moto X“, e probabilmente non hanno tutti i torti; ma questo dispositivo, qualora le voci che ruotano attorno ad esso si rivelassero vere, sarà proposto al pubblico ad un prezzo non superiore ai €250. Un prezzo così basso ed accessibile per uno smartphone di fascia alta potrebbe in effetti dire decisamente la sua in un mercato governato da altre grandi aziende che propongono i loro dispositivi a prezzi ben superiori. Tra l’altro Motorola ci aveva avvertiti: “concentreremo i nostri sforzi anche nel contenimento dei costi“.
Per quanto riguarda le risorse hardware, ecco le probabili caratteristiche:

  • processore quad-core
  • 2 GB di RAM
  • display da almeno 4,5 pollici con risoluzione HD
  • fotocamera da 8 megapixel capace di registrare video a 1080p.
 Questo smartphone, inoltre, ancora secondo le indiscrezioni, dovrebbe avere anche un display di tipo cutting edge, ovvero proprio come quello a bordo del Nexus 4: in pratica, tra la cornice esterna ed il display, non vi è alcuno spazio.
Naturalmente in questo non vi è nulla di ufficiale, aspettiamo i prossimi aggiornamenti per confermare quanto scritto.

Google rilascerà un aggiornamento per il risolvere il bug di Android

15:39
Qualche giorno fa vi abbiamo parlato di un bug scoperto dal team Bluebox Labs che affligge il 99% dei dispositivi Android, l’unico escluso è il Samsung Galaxy S4. Stiamo parlando di un bug presente su Android fin da 1.6 Donut, per cui già da alcuni anni. Esso permette, in breve, di inserire codice maligno all’interno delle applicazioni, senza che Android se ne accorga e ne blocchi, di conseguenza, l’installazione.



























Ciò, tuttavia, può accadere solamente se l’installazione di applicazioni avviene fuori dal Play Store, in quanto Google controlla costantemente le applicazioni pubblicate nello store. Google, in ogni caso, ha deciso giustamente di risolvere il problema eliminando il bug.
L’azienda di Mountain View, infatti, ha comunicato che il bug è stato risolto su Android e che ha già rilasciato ai produttori il materiale per risolvere il bug, in modo tale che possano implementare la patch con un prossimo aggiornamento. Non resta, adesso, che attendere un aggiornamento da parte dei produttori, sperando che venga aggiornato il maggior numero possibile di dispositivi, mentre sui Nexus sarà introdotta, salvo sorprese, con Android 4.3.

In ogni caso, non c’è da preoccuparsi, in quanto un portavoce Google ci fa sapere che il bug non è stato sfruttato dagli sviluppatori, per cui non ci sono applicazioni malevoli di questo tipo. Basta, oltretutto, installare le applicazioni solamente dal Play Store per evitare problemi, ma fa comunque piacere sapere che il bug è stato definitivamente risolto, più che altro per non creare falsi allarmismi.

Vorreste un Galaxy Note 2 da 288 Gigabyte?

11:32
Se possedete un Samsung Galaxy Note 2 e la possibilità di espandere la memoria con una microSD da 64GB non vi permette di ottenere lo spazio necessario per tutti i vostri file, ecco che su XDA è possibile trovare uno smartphone con 288 GB di memoria interna.





























La fantasia (e la ‘pazzia’) degli smanettoni a volte tocca davvero limiti inimmaginabili; da qualche mese, infatti, sul forum di XDA si discute di un Galaxy Note 2 con ben 288 GB di memoria (256GB di microSD e 32GB di interna) ed una batteria da addirittura 8500 mAh. Il risultato?

Il dispositivo potrà sicuramente contenere un maggior numero di file, ma lo spessore è talmente elevato che vi sembrerà di utilizzare un computer, e non uno smartphone (considerando che già il Note 2 ha dimensioni non proprio ‘ragionevoli’).




Asus Nexus 7 in offerta da MarcoPolo Expert

18:32



















Nonostante tra pochi mesi verrà presentato il modello successivo, l'Asus Nexus 7 resta ad oggi uno dei migliori in circolazione. Da pochi giorni, direttamente sullo store online di MarcoPolo Expert, è possibile acquistare il Nexus 7 (nella versione da 8 GB) a 149€ con Garanzia Italia e spedizione completamente gratuita.

Il risparmio è di 50€, effettivamente non un’offerta di quelle sconvolgenti, ma comunque interessante se eravate interessati all’acquisto di un tablet. 

Clicca qui per visualizzare l'offerta.

"Priyanka", un nuovo virus arriva su Whatsapp!

15:00
Brutta notizia per chi utilizza WhatsApp, o comunque notizia da tenere in considerazione se vi imbattete in un contatto dal nome Priyanka che vi aggiunge su WhatsApp. Se vi capita, statene alla larga e non accettatelo: è un virus! Nonostante non sia particolarmente dannoso ma solo antipatico, è sempre meglio stare alla larga da qualsiasi rischio.

Priyanka è un contatto che può esservi suggerito tramite messaggi su WhatsApp da altri contatti che avete nella lista, ma tali messaggi saranno inviati non dai vostri amici bensì direttamente dal virus a loro insaputa. Priyanka fa in modo da rinominare tutti i gruppi di conversazione che avete su WhatsApp in “Priyanka” e, nel caso peggiore, può rinominare anche tutti i numeri in rubrica in “Priyanka“. Ecco quello che succede.
































Se, dunque, vi viene recapitato un messaggio di aggiunta di un contatto di nome Priyanka, allora statene alla larga e non accettate di aggiungerlo ai vostri contatti.















Se invece avete già accettato il contatto, tramite i seguenti passi dovreste risolvere il problema:
  • recatevi in rubrica, cercate Priyanka ed eliminate il contatto
  • recatevi nelle Impostazioni del dispositivo e poi in Applicazioni
  • selezionare WhatsApp e premere nell’ordine il pulsante Termina e poi il pulsante Cancella Dati
  • avviate WhatsApp


Nexus 5, 7 e 10 presentati ad ottobre?

11:53





















Non accennano a diminuire i rumor per quanto riguarda sia il Nexus 5 che il Nuovo Nexus 7, due dispositivi Google Experience che dovrebbero essere realizzati rispettivamente LG ed Asus per Google.
IBTimes, una nota fonte internazionale di notizie, ha infatti affermato che il Nexus 7 di seconda generazione sarà presentato in concomitanza con il nuovo iPad Mini 2, in modo da cercare di distogliere l’attenzione degli utenti dalla presentazione di Apple per convogliarne il maggior numero possibile su quella del nuovo tablet da 7 pollici di Google/Asus.
E’ molto probabile che anche il Nexus 5 venga presentato nello stesso periodo o addirittura durante la stessa giornata, visti i precedenti del Nexus 4 e degli altri smartphone Nexus. Entrambi dovrebbero avere a bordo Android 5.0 Key Lime Pie, ma la fonte afferma che il Nuovo Nexus 7 potrebbe addirittura anticipare il Nexus 5 ed essere lanciato prima di quest’ultimo proprio con a bordo la versione 5.0 di Android.

Staremo quindi a vedere se Nexus 5 e Nuovo Nexus 7 saranno presentati durante lo stesso periodo, quando molto probabilmente sarà fissato un evento interamente dedicato ai nuovi dispositivi della serie Nexus. Non dimentichiamoci neanche del Nexus 10 di seconda generazione, in quanto l’attuale tablet da 10 pollici di Google è stato lanciato proprio durante la stessa giornata in cui ha visto la luce il Nexus 4. Per questo motivo, è lecito (anche se tutto da confermare) aspettarsi anche la presentazione del Nuovo Nexus 10 durante lo stesso periodo.

Il Nexus 5 avrà una cpu ad 8 core?

10:50
Trapelano nuove specifiche per quanto riguarda il Nexus 5, lo smartphone Android ufficiale di Google che con ogni probabilità sarà presentato verso la fine dell’anno. Inizialmente vi era qualche dubbio sul fatto che LG realizzasse il nuovo smartphone Google Experience, ma poi si è venuti a conoscenza di alcune informazioni su un primo prototipo di test del Nexus 5 che girovagherebbe per i laboratori di LG.



Secondo alcune fonti, sul quale abbiamo poche informazioni riguardo l’attendibilità delle notizie, il processore che avrà a bordo il Nexus 5 non sarà uno Snapdragon 800, come si pensava in un primo momento, bensì sarà un nuovo tipo di processore denominato “Odin”. Questa CPU avrà  8 cuori pulsanti con architettura ARM big.LITTLE simile a quella del processore Exynos 5 di Samsung, la quale prevede 4 core Cortex-A7 adibiti a svolgere operazioni più leggere e 4 core Cortex-A15 adibiti a svolgere quelle più pesanti. La tecnologia costruttiva sarà a 28 nm High K Metal Gate. Il processore, inoltre, supporterebbe display con risoluzione Full-HD e sarebbe ritenuto decisamente migliore rispetto a quello installato sull’Optimus G Pro di LG, che è lo Snapdragon 600. La sua produzione di massa, infine, sarebbe stata programmata per la fine dell’anno, proprio in concomitanza con il lancio del Nexus 5.

Tali informazioni sono comunque da prendere molto con le pinze in quanto la presentazione dello smartphone è ancora ben lontana, poichè probabilmente il Nexus 5 sarà presentato durante i mesi di Novembre/Dicembre.

Il sistema Android è afflitto da un grande bug

10:53




























I ricercatori di Bluebox Lab affermano di aver trovato un bug che risale ai tempi di Android 1.6 Donut, e che consentirebbe l’installazione di applicazioni malevole, perfettamente mascherate da “sane”. Come? I pacchetti Android, come probabilmente saprete, devono essere verificati con una firma crittografica, che ne assicura l’integrità in modo da consentire così l’eventuale aggiornamento di un pacchetto già esistente. Ebbene, Bluebox afferma di aver trovato un modo per modificare i pacchetti, senza alterarne la firma: avremo pertanto un apk dannoso, mascherato come uno regolare, con tutti i problemi che questo comporta.
Prima di gridare allo scandalo, chiariamo che il Play Store non può essere sfruttato in tal senso, quindi se, come sempre, avete installato solo software di provenienza sicura, potete continuare a dormire sonni tranquilli. Vero è che se reperite pacchetti a giro per la rete i rischi ci sono sempre, anche se in teoria nessun apk di terze parti, se modificato, dovrebbe essere in grado di sostituirsi all’app ufficiale, mentre invece pare sia possibile.

Il bug è stato riportato a Google nel febbraio 2013, ed essendo correlato anche al dispositivo in questione, è compito del singolo produttore rilasciare specifiche patch. Il colmo di questa vicenda? Il Galaxy S4 è già stato sistemato, mentre i Nexus sono ancora in attesa.

Perchè il mio smartphone si scarica subito?

12:40
Hai appena comprato uno smartphone nuovo, un iPhone, un Samsung o un HTC ecc e la batteria dura meno di un giorno? Tranquillo, il tuo cellulare non ha nessun problema.
Se confrontiamo i nostri smartphone con i cari vecchi Nokia, quelli che non avevano tutte le capacità del nuovo smartphone ma che avevano una batteria capace di durare anche fino a 3 giorni senza ricaricarla, troviamo enormi differenze.

Perché avviene questo? Com'è possibile che la batteria dello smartphone duri così poco?
L’evoluzione dei processori dei computer, degli schermi e delle applicazioni software è stata nettamente più rapida rispetto l'evoluzione delle batterie che non è riuscita a stare al passo con la tecnologia.
Questo significa che, anche se le batterie dei cellulari o dei tablet oggi sono molto più potenti rispetto quelle di qualche anno fa, non lo sono abbastanza per dare energia per tutto il tempo ai computer di oggi.



























Le ragioni della scarsa durata delle batterie degli smartphone sono principalmente tre:
1) L'utilizzo continuo della connessione internet
L'antenna WiFi utilizza moltissima energia della batteria quindi, anche se non si sta navigando su internet, l'antenna rimane attiva se il ricevitore wifi rimane acceso.
Spegnere il ricevitore quando non si sta usando il telefono è senza dubbio un contributo importante per una maggior durata della batteria.
Il Wifi comunque consuma molta meno energia rispetto la connessione dati di telefonia mobile 3G o 4G LTE.
Per questo se si va in giro con la connessione sempre aperta si ha la sensazione che la batteria si scarichi prima rispetto a quando si sta a casa collegati al wifi.
Il fatto è che il 3G è molto più lento del Wifi, impiega più tempo a scaricare dati e sincronizzare e poi le antenne sono spesso lontane (mentre il router Wifi è sempre vicino) quindi il cellulare si sforza per cercare la rete ed il trasmettitore più vicino.
In conclusione, per collegarsi a internet, privilegiare sempre, se possibile, la connessione Wifi.

2) Si sta utilizzando un dispositivo con una batteria piccola o sottodimensionata.
Quando si compra uno smartphone o un cellulare è importante fare caso al tipo di batteria che si trova al suo interno.
Oggi gli smartphone hanno CPU quad core, schermi grandi anche più di 5 pollici, memoria interna molto ampia fino a 64 GB, supporto per le schede SD e così via.
Come accennato sopra, le batterie non sono migliorate abbastanza ancora per sostenere questa tecnologia (o meglio, potrebbero farlo ma peserebbero come mattoni) quindi, se da un lato si ha uno smartphone migliore, più grosso e potente, dall'altro c'è il rischio che duri poco la carica.
Anche se la tecnologia CPU negli smartphone è diversa da quella dei PC (l’architettura ARM utilizza meno energia, con costi in produzione inferiori), le batterie, dovendo essere più piccole, non riescono a durare abbastanza.
Attualmente, una buona batteria per smartphone è di tipo LI-ion, da 2500mAh.
Se si compra uno smartphone grosso, con CPU potente e 5 Pollici di schermo, una batteria da 2200 mAh non va bene; invece per uno smartphone con schermo 4.3 pollici, una batteria da 2500 mAh dovrebbe garantire una certa durata.
Per iPhone (dove la batteria non si può cambiare) si può comprare la custodia per una batteria aggiuntiva da 2500mAh (cercare su Amazon).

3) Maggiore velocità di scaricamento dei dati da internet.
Difficile da notare, ma se si scarica più veloce, si consuma più batteria e rispetto anche ad un anno fa le velocità di download sono aumentate (anche se in Italia tutti questi progressi non ci sono stati, ma va beh..).
In sostanza, maggiore è la larghezza di banda utilizzata, maggiore è l'energia della batteria consumata.

Quindi come si può fare per estendere la durata della batteria dello smartphone senza rinunciare alle sue funzionalità?
Non c'è un modo preciso per verificare cosa sta consumando la carica della batteria.
Il sistema iOS su iPhone riesce a gestire bene le applicazioni in modo che non consumino energia della batteria inutilmente.
Android ha una schermata di gestione della batteria nelle Impostazioni -> Info sul telefono -> Uso della batteria.
Per Android si possono anche installare applicazioni per gestire la durata della batteria come Juice Defender (a pagamento) o Battery Doctor (gratis).

In generale quello che si può fare è:
  • ridurre al minimo l'utilizzo di internet e ricevitori (3G/4G, WiFi, GPS).
  • Usare il Wi-Fi più possibile invece del 3G/4G.
  • Tenere il telefono in un luogo dove il suo segnale è forte (Segnali deboli richiedono maggior potenza di antenna per mantenere la connessione e lo stesso vale per il WiFi)
  • Tenere il telefono in luoghi freschi e non tenerlo in tasca, Le batterie agli ioni di litio sono più efficienti quando rimangono fresche (in estate, infatti, durano meno).
  • Tenere la luminosità dello schermo più bassa se possibile o attivare la luminosità automatica se lo smartphone possiede questa utilità.
  • Chiudere le applicazioni che non servono.
Naturalmente, poi se si rinuncia a tutto che lo si tiene a fare uno smartphone?
L'unica cosa importante è stare attenti a non collegarsi a Facebook in ogni momento o mettersi a chattare su Whatsapp a lungo se si prevede di stare fuori casa un giorno intero.
Se poi si vuol usare il navigatore GPS sul cellulare, portarsi il caricabatteria da macchina. ;)

-- La batteria che si ricarica in 20 secondi. Link

Blog Archive

Followers

About Us

Recent